Carte prepagate Poste Italiane

Carte prepagate Poste Italiane

Carte prepagate Poste Italiane

Tra le società che emettono carte prepagate, Poste Italiane è uno tra i migliori Enti Pubblici che operano in questo settore. I prodotti offerti, sono tra quelli più richiesti soprattutto tra i giovani. Di seguito cercheremo di mettere in evidenza tutti i dispositivi che mette a disposizione dell’utenza, corredati dalle caratteristiche tecniche ed i vantaggi che offrono.

Tutte le carte di Poste Italiane

La prima nata è PostePay modello standard con canone annuale gratis, compresa nel circuito Visa o Visa Electron. Questa carta ha un limite di spesa di 3000 euro al giorno ed un limite di prelievo pari a 25° euro al giorno. Per i ragazzi di età compresa tra i 10 e i 18 anni, esiste PostePay Junior. L’unica pecca è che non possiede il codice Iban. Poste Italiane emette inoltre PostePay Evolution con codice Iban per bonifici, accredito dello stipendio con costo annuale da 10 euro.
Quest’ultima ha un limite di prelievo giornaliero di 600 euro ed un limite di spesa sino a 3500 euro al giorno. Fa parte del circuito
Mastercard ed è utilizzabile anche all’estero. In questa versione esiste anche il modello “Business” che comprende le stesse identiche caratteristiche ma più adatta per le aziende.

Altri tipi di carte prepagate Poste Italiane

Oltre a quelle precedentemente indicate, Poste italiane mette a disposizione della propria utenza anche Postepay Corporate con canone annuale gratis, adatta per la gestione delle spese aziendali. Il limite di prelievo/giorno è di 600 euro, mentre quello relativo alla spesa arriva a 10000 euro ed è inclusa nel circuito Visa Electron.
Poi esiste
PostePay Virtual per proporre il proprio brand aziendale, sempre con canone annuale gratuito, limite di prelievo di 250 euro/giorno e limite spesa 3000 euro/giorno. Infine esiste Inps Card con canone gratuito e 600 euro/giorno tra limite spesa e prelievo giornaliero.

Questa carta è molto utile per l’accredito della pensione e di tutte le altre tipologie di contributi Inps.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*