Carte prepagate per l’estero

Carte prepagate per l’estero

Carte prepagate per l’estero

Uno dei migliori metodi per effettuare dei pagamenti comodi, sono le carte prepagate. Questo strumento viene molto utilizzato all’estero, soprattutto in occasione di viaggi vacanza o per motivi di lavoro. L’utilizzo delle carte di credito per l’estero infatti, è ormai molto diffuso e viene utilizzato praticamente per ogni genere di pagamento: ristoranti, alberghi, spesa alimentare e tanto altro. Il vantaggio principale è quello di non dover effettuare cambi di moneta e quindi l’utilizzo dei contanti.

Le carte prepagate più utilizzate

Tra la molteplice varietà di carte prepagate, quelle più sicure e convenienti, spiccano: la Mastercard totalmente a costo zero e può essere gestita attraverso un’applicazione. Non prevede il pagamento di alcun canone per l’utilizzo, le ricariche ed i prelievi. Inoltre è corredata da Codice Iban per i bonifici. Le altre maggiori società emittenti carte di credito sono: Cartasì, America Express e Diners.

Le carte prepagate più utilizzate

Una su tutte è sicuramente la Postepay Revolution di Poste Italiane, fa parte del circuito Mastercard, possiede il codice Iban e praticamente può essere utilizzata come un conto corrente bancario. Prevede il pagamento di un canone annuale pari a 10 euro, ma può essere ricaricata ovunque, nei punti Sisal, tabaccherie, uffici postali. Allo stato attuale i migliori servizi sono offerti dai circuiti Visa e Mastercard con pagamenti sino a 25 euro senza dover consegnare la carta, ma avvicinandola al lettore.

Il circuito Visa prevede anche un servizio sms valido anche all’estero ed una franchigia da pagare in caso di uso fraudolento della carta stessa. Un’altra carta prepagata molto utilizzata, è la Genius Card di Unicredit, con codice Iban e permette anche di utilizzarla per il pagamento delle utenze e per le ricariche telefoniche anche in un paese straniero. Quest’ultima prevede canone zero per gli under 27 e per tutti gli altri utilizzatori, è previsto il pagamento mensile di 1 euro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*