Carta prepagata PostePay

carta prepagata Postepay

Carta prepagata PostePay

La carta prepagata Postepay è la prima nata di casa Poste Italiane ed è la carta per antonomasia più richiesta in Italia soprattutto tra i giovani, ma anche da moltissimi adulti. Da molti anni infatti rimane in cima alla classifica delle carte prepagate più acquistate.

Le caratteristiche principali di PostePay

PostePay viene emessa su richiesta gratuitamente e non prevede alcun canone annuo, praticamente è a costo zero. Non è dotata di codice Iban, ma utilizza la tecnologia Contacless per importi inferiori a 25 euro di spesa. Il suo limite di prelievo giornaliero è pari a 250 euro, per quanto riguarda il limite di spesa invece è stato fissato ad un massimo di 3000 euro giornalieri.

La carta non è completamente gratuita, perché prevede un costo di attivazione di 5 euro ed è compresa nel circuito Visa, quindi permette anche movimentazioni internazionali e può essere usata conseguentemente anche all’estero.

PostePay anche per i più piccoli

PostePay può essere utilizzata anche dai più piccoli. Per i ragazzi di età compresa tra i 10 ed i 18 anni, è possibile attivare PostePay Junior con l’autorizzazione e la supervisione di un genitore o tutore del ragazzo. La sua attivazione è molto semplice, basta recarsi presso un qualsiasi ufficio postale e richiederla allo sportello presentando un documento di identità in corso di validità.

Per rinnovare la carta PostePay scaduta, si esegue lo stesso identico procedimento utilizzato per la prima emissione, portando a seguito la carta che ha raggiunto la data naturale di scadenza, la quale dovrà essere necessariamente riconsegnata e sostituita con una carta nuova.

Per ricaricarla invece, è possibile farlo tramite carta PagoBancomat presso tutti i Postamat dislocati sul territorio nazionale, tramite Card di pagamento dei circuiti: Visa, Visa Electron, Mastercard e Vpay. Inoltre si può ricaricare presso gli sportelli degli uffici postali al costo di 1 euro, oppure presso tutte le tabaccherie convenzionate al costo di 2 euro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*